Diritti comparati nasce dall’iniziativa di un gruppo di studiosi di diritto europeo, di diritto comparato e di diritto costituzionale che hanno voluto dare vita ad uno spazio di discussione su temi di comune interesse. I processi di integrazione sovranazionale e di globalizzazione giuridica determinano un allargamento degli orizzonti della comparazione rispetto al più rassicurante recinto costituito dallo studio del diritto straniero, ed impongono i fenomeni di migrazione e fusione dei concetti giuridici, delle giurisprudenze e dei loro raccordi reciproci – negli strumenti istituzionali, nelle tecniche argomentative, negli esiti sostanziali – come oggetto privilegiato dello studio dei rapporti tra ordinamenti sempre più interconnessi. Questa attenzione alle dinamiche dell’integrazione e del dialogo tra le giurisprudenze sul terreno dei diritti fondamentali si combina con un’esigenza di storicizzazione e contestualizzazione dell’analisi comparativa, che si arricchisce della dimensione transnazionale e riscopre così la propria funzione “sovversiva” e di coscienza critica rispetto ai canoni tradizionali del discorso giuridico ed ai costumi sociali consolidati. Diritti comparati vuole confrontarsi con questi scenari e queste trasformazioni.

Coordinamento:

Andrea Buratti – Università di Roma “Tor Vergata”
Giuseppe Martinico – Scuola Universitaria Superiore Sant’Anna di Pisa
Oreste Pollicino – Università commerciale “Bocconi” di Milano
Giorgio Repetto – Università di Perugia
Raffaele Torino – Università Roma Tre

 

Redazione:

Marco Bassini
Antonello Ciervo
Giacomo Delledonne
Claudio Di Maio
Francesco Saitto

Post e commenti sono ben accetti. Inviare le proposte all’indirizzo email
info@diritticomparati.it