Browsing Category

Uncategorized


VIEW POST

View more
Uncategorized

Recensione Biagio Andò, Certezza del diritto e discrezionalità giudiziale nei sistemi giuridici ibridi – il caso della Lousiana, ESI, 2018

By on February 11, 2019

L’ibridismo di taluni ordinamenti giuridici, nell’irriducibile singolarità e peculiarità delle singole esperienze, rappresenta una straordinaria opportunità per osservare e analizzare problemi di rilievo comparatistico di interesse generale, disvelare le logiche interne a ciascuna tradizione giuridica, comprendere le concrete strategie adottate dai “signori del diritto” per affermare il proprio ruolo nella produzione e interpretazione delle norme che regolano la condotta dei consociati.
Questo appare a me essere il forte messaggio della bella monografia di Biagio Andò.
§L’Autore, prendendo le distanze dalle eccessive semplificazioni dell’approccio palmeriano in tema di ordinamenti misti, conduce per mano il lettore, con una prosa tanto raffinata quanto chiara,…


VIEW POST

View more
Uncategorized

La “Costituzione economica”. Una lezione di Paolo Ridola presso l’Istituto italiano per gli studi storici

By on February 7, 2019

Nell’ambito del ciclo di seminari 2018/2019 che si tiene presso l’Istituto italiano per gli  Studi storici sul tema “I capitalismi” (https://www.iiss.it/la-formazione/seminari-e-lezioni/), pubblichiamo il video della lezione del Prof. Paolo Ridola, tenutasi il 28 gennaio 2019, su La “Costituzione economica”, la cui registrazione è resa disponibile grazie al lavoro di Radio radicale. La lezione è introdotta dal Prof. Natalino Irti, Presidente dell’Istituto Italiano per gli Studi Storici.


VIEW POST

View more
Uncategorized

L’equilibrio instabile fra carcere duro e Dignità umana. Il caso Provenzano: alcune riflessioni sulla sentenza della Corte di Strasburgo

By on February 4, 2019

Alla fine dello scorso ottobre la Corte Europea dei Diritti Umani è tornata ad occuparsi del regime carcerario “duro” previsto in Italia (ex art. 41bis Ordinamento Penitenziario). Il ricorso era stato promosso prima della morte di Bernardo Provenzano, un condannato per gravi crimini di mafia, e dopo tale evento era stato comunque portato avanti dal figlio, la cui legittimazione a procedere era stata confermata, nonostante le contestazioni dello Stato italiano, in ragione dell’evidente interesse alla tutela della dignità e dei diritti del padre defunto.
Proprio su tale punto, nello specifico, la Corte ha rappresentato come sia oramai principio granitico della…


VIEW POST

View more
Uncategorized

Ilva: la Corte EDU condanna l’Italia per violazione degli art. 8 e 13 della Convenzione

By on January 28, 2019

Con la decisione del 24 gennaio 2019, la Prima Sezione della Corte EDU si è pronunciata sul caso Cordella e al. c. Italia (ricorsi n° 54414/13 e 54264/15), condannando unanimemente lo Stato italiano per aver violato gli articoli 8 (Diritto al rispetto della vita privata e familiare) e 13 (Diritto a un ricorso effettivo) della Convenzione. I 180 ricorrenti, che avevano altresì invocato la violazione dell’art. 2 (Diritto alla vita), non preso in considerazione dalla Corte in quanto ricondotto al suddetto art. 8 (parr.93 – 94), sostenevano che le autorità nazionali non sarebbero state in grado di proteggere l’ambiente…


VIEW POST

View more
Uncategorized

Questa casa non è un albergo! A proposito della sentenza Wightman

By on January 16, 2019

La Brexit pare insegnare come non sia mai facile separarsi. La ben nota opposizione scozzese e nord-irlandese alla Brexit, le incertezze politiche degli ultimi giorni nel Regno Unito e il recentissimo caso della Corte di Giustizia dell’Unione Europea relativo alla possibilità di revocare l’intenzione di ritirarsi dall’Unione Europea (UE)  (Case C-621/18 Wightman del 10 dicembre 2018) dimostrano che, quand’anche si domi la “bestia” giuridificando  quel tabù (costituzionale) che è la secessione, non è poi così facile “esercitare” il diritto, riconosciuto, a dividersi.
Tutto ciò mi convince ancora di più della difficile relazione fra ordinamento costituzionale e secessione: se si parte…


VIEW POST

View more
Uncategorized

Nel nome della stabilità dei prezzi? La Corte di Giustizia approva il Quantitative Easing della Banca Centrale Europea (Nota a sentenza C-493/17, Weiss e a.)

By on December 20, 2018

Il Public sector asset purchase programme (PSPP), comunemente chiamato Quantitative Easing (QE), rappresenta sicuramente il più conosciuto e controverso strumento non convenzionale adottato dalla Banca Centrale Europea (BCE) durante la crisi finanziaria. Attraverso il QE, la BCE ha acquistato i titoli di stato dei paesi della zona euro, con l’obiettivo di combattere la deflazione ed aiutare gli stati membri più colpiti dalla crisi economica a finanziarsi sui mercati. Il caso Weiss, vertente sulla legalità di questo programma, rappresenta l’ennesimo tentativo di dialogo tra la Corte di Giustizia e la Corte costituzionale tedesca sul mandato monetario della Banca Centrale Europea…


VIEW POST

View more
Uncategorized

Scelte sovrane e doveri nella sentenza Wightman

By on December 15, 2018

Nei giorni scorsi, la Corte di giustizia dell’Unione europea (CGUE) si è espressa nel già pluri-commentato caso Wightman, confermando più o meno quanto “suggerito” dall’Avvocato Generale Campos Sánchez-Bordona.
Vi sono, però, alcune differenze significative e una di queste può essere (deve essere) fonte di critica, come si cercherà di sottolineare in questo breve commento.
Si tratta, in generale, di una sentenza molto “ispirata” e ricca di riferimenti alla giurisprudenza precedente della CGUE, quella, per intendersi, in cui la Corte usa apertamente la terminologia costituzionalistica, inaugurata con Les Verts e richiamata “a singhiozzo”. Non a caso, proprio Les Verts – insieme alla…


VIEW POST

View more
Uncategorized

L’uso delle bandiere regionali e i simboli dell’unità: alcune precisazioni dalla Corte costituzionale (Nota a Corte cost., sent. n. 183 del 2018)

By on December 14, 2018

Con la sent. n. 183 del 2018 la Corte costituzionale ha dichiarato l’illegittimità costituzionale di alcune disposizioni di una legge Regionale del Veneto (n. 28 del 2017) in cui si prevedeva l’obbligo di esporre la bandiera regionale in un  all’esterno di edifici adibiti a sede di amministrazioni statali, nonché su imbarcazioni di proprietà di questi ultimi.
Leggendo la sentenza si percepisce come la Corte abbia sentito il dovere di illustrare il tema dei “simboli” nazionali e territoriali con un’attenzione ben superiore alle mere finalità processuali. Ne è derivata una pronuncia dall’andamento sinusoidale, che alterna affermazioni sin troppo sintetiche riferite al…


VIEW POST

View more
Uncategorized

Marta Simoncini, Administrative Regulation Beyond the Non-Delegation Doctrine. A Study on EU Agencies, Hart Publishing, 2018, p. 232. ISBN: 9781509911721

By on December 10, 2018

Le agenzie dell’Unione europea costituiscono un fenomeno peculiare sia sotto il profilo dell’organizzazione amministrativa, sia per ciò che concerne la loro legittimazione a fronte dei poteri che esercitano in concreto. Tali organismi tengono insieme più esigenze, di vario tipo: da un lato decentrano la competenza nella regolazione di determinate materie, in parte sottratta alla Commissione o ai governi nazionali, dall’altro europeizzano la governance di determinati settori, senza far uscire di scena gli Stati. Al contempo, sfruttano la neutralità delle competenze tecniche e specialistiche, mantenendo formalmente invariati alcuni poteri decisori che rimangono in capo agli organi politico-amministrativi (Commissione e governi…


VIEW POST

View more
Uncategorized

Indennità di licenziamento e garanzie (costituzionali ed europee) del lavoratore

By on December 6, 2018

1.Anticipato l’esito del giudizio da un comunicato stampa del 26 settembre, come divenuto usuale per le decisioni della Corte costituzionale di maggior impatto sull’opinione pubblica, lo scorso 8 novembre è stata depositata la sent. 194/2018 che ha dichiarato parzialmente illegittimo uno dei punti qualificanti della riforma del lavoro del Governo Renzi, il c.d. Jobs Act. Nello specifico, la decisione ha colpito la previsione normativa concernente il meccanismo di determinazione dell’indennità spettante al lavoratore in caso di licenziamento ingiustificato (art. 3, c. 1, d.lgs. 23/2015, nel testo originario e in quello risultante dalle modifiche apportate dal recente “decreto dignità”, d.l….