Browsing Category

Uncategorized


VIEW POST

View more
Uncategorized

Sull’intervento dell’Unione delle Camere Penali nel giudizio di costituzionalità delle norme in materia di astensione degli avvocati: Verso un timido allargamento del contraddittorio agli enti esponenziali?

By on September 17, 2018

Il 10 luglio 2018 la Corte costituzionale si è pronunciata sulla costituzionalità delle norme in materia di astensione dalle udienze da parte dei difensori di persone in stato di custodia cautelare o di detenzione (sent. n. 180/2018).
Nel merito, la Corte ha ritenuto incostituzionale, per violazione dell’art. 13 Cost., la disposizione dell’art. 2-bis della legge 13 giugno 1990 n. 146 nella parte in cui, rinviando al codice di autoregolamentazione delle astensioni dalle udienze degli avvocati, consente l’astensione degli avvocati nei procedimenti e nei processi in relazione ai quali l’imputato si trovi in stato di custodia cautelare, con ovvie ripercussioni sulla…


VIEW POST

View more
Uncategorized

Recensione a S. Mancuso, Liquidità e comparazione. Un breve viaggio tra diritto, antropologia e sociologia

By on September 13, 2018

L’espressione “società liquida” è del sociologo Zygmunt Bauman, il quale con il rinvio al concetto di liquidità è riuscito a cogliere e descrivere le caratteristiche della modernità: una società, quella attuale, ove “le situazioni in cui agiscono gli uomini si modificano prima che i loro modi di agire riescano a consolidarsi in abitudini e procedure”, per cui “non è in grado di conservare la propria forma o di tenersi in rotta a lungo” (Z. Bauman, Modernità liquida, Roma-Bari, Laterza, 2011, p. XXII della prefazione).
Dunque Bauman, nelle sue molte opere, utilizza la nozione di liquidità per spiegare l’incertezza, il relativismo…


VIEW POST

View more
Uncategorized

Nuove cronache costituzionali da Israele, frontiera del costituzionalismo occidentale

By on September 10, 2018

Già in queste pagine si è provato a dare conto, anni orsono, dello sviluppo sempre vivido del dibattito israeliano sul ruolo della Corte suprema e sui confini dei poteri di judicial review nel sistema costituzionale del paese.
Le naturali tensioni insite nel ruolo contromaggioritario del giudiziario si acuiscono da decenni in Israele per via di note specificità del sistema: l’aspirazione anfibologica alla costruzione di uno stato al contempo Jewish, connotato identitariamente, e democratic, e dunque inclusivo e che mira alla tutela delle minoranze; l’assenza, insieme contingente e programmatica, di una costituzione unidocumentale e completa, sostituita da un progetto di leggi…


VIEW POST

View more
Uncategorized

Recensione a S. Ragone (ed.), Managing the Euro Crisis. National EU Policy Coordination in the Debtor Countries, Routledge, 2018

By on September 3, 2018

Il volume si discosta dai precedenti in primo luogo per il taglio dato all’analisi: anche nei contributi che avevano rivolto primario interesse ai Paesi che avevano sottoscritto dei Piani di Assistenza, l’attenzione era stata, anzitutto, rivolta al modo in cui tali strumenti sovranazionali interagissero con l’ordinamento nazionale (con una particolare attenzione al ruolo delle corti, si v. ad es. A. Baraggia, Ordinamenti giuridici a confronto nell’era della crisi: la condizionalità economica in Europa e negli Stati nazionali, Giappichelli, 2017). La prospettiva di un’analisi comparata riguardante primariamente le modalità con cui ciascuno Stato si interfaccia con l’ordinamento europeo e gli…


VIEW POST

View more
Uncategorized

The Agreement on a Unified Patent Court cannot be ratified by Hungary, the Constitutional Court says

By on August 1, 2018

In a decision delivered on 26 June (Decision no. 9/2018 AB – the official English translation was released on the Court’s website this week), the Hungarian Constitutional Court found that the Agreement on a Unified Patent Court (signed by Hungary in 2013, but not yet ratified) violates the Hungarian Fundamental Law (FL), as it would transfer to the new Unified Patent Court (UPC) the jurisdiction over a group of private law disputes, drawing them off the jurisdiction of national courts, while Art. 25 (2) a) FL provides that private law litigations shall be decided by national courts….


VIEW POST

View more
Uncategorized

I governi nazionali sono responsabili per la violazione delle quote di ricollocazione dei rifugiati? A proposito della sentenza del Tribunal Supremo sulla relocation

By on July 31, 2018

Alcuni giorni fa il Tribunal Supremo ha condannato il governo spagnolo per non aver rispettato l’obbligo di ricollocare 19.449 rifugiati dalla Grecia e dall’Italia tra il 2015 e il 2017. Con la sentenza del 9 luglio 2018, Il Tribunal ha ritenuto che la Spagna fosse vincolata dalle Decisioni del Consiglio di maggio e settembre 2015 che istituivano il meccanismo europeo di emergenza per la ricollocazione. Lo scopo di questo meccanismo era ricollocare da questi due paesi circa 160.000 rifugiati che arrivavano sulle coste italiane e greche durante la cosiddetta “crisi dei rifugiati” (cfr. qui per alcuni documenti rilevanti), in…


VIEW POST

View more
Uncategorized

La Sentencia 1.168/2018 de 9 de julio: el Tribunal Supremo español como supervisor de la aplicación del Derecho de la Unión

By , on July 31, 2018

La Sentencia 1.168/2018 de 9 de julio de la Sala de lo Contencioso-Administrativo del Tribunal Supremo se nos antoja ciertamente reveladora en el marco de la crisis de refugiados que la Unión Europea viene soportando estos últimos años.
Antes de entrar en el contenido de la mencionada sentencia, resulta necesario explicar, siquiera de manera breve, los antecedentes de la misma y los hechos que precedieron a esta resolución judicial.
En este sentido, cabe recordar que, la Agenda Europea de Migración correspondiente al mes de mayo de 2015 preveía la activación del mecanismo contemplado en el párrafo 3 del art. 78 del…


VIEW POST

View more
Uncategorized

Principio di fraternità e aiuto umanitario ai migranti irregolari: dal Conseil constitutionnel un’importante pronuncia sul “reato di solidarietà”

By on July 30, 2018

La decisione del Conseil constitutionnel n° 2018-717/718 QPC del 6 luglio 2018 era delle più attese e, alla luce della sua portata, possiamo dire che le aspettative erano ben riposte: sebbene le richieste dei ricorrenti siano state solo parzialmente soddisfatte, il giudice delle leggi francese ci offre una pronuncia ricca di spunti, che va a incidere sensibilmente sull’impianto della legislazione in materia di favoreggiamento dell’immigrazione irregolare in un momento in cui la questione migratoria è al centro del dibattito in tutti i paesi europei.
Riconoscendo al terzo elemento del motto della Repubblica francese – Liberté, égalité, fraternité – pieno rango…


VIEW POST

View more
Uncategorized

Un cambio di rotta per le politiche in materia di disabilità: idee per un possibile approdo. Recensione a A. Candido, Disabilità e prospettive di riforma. Una lettura costituzionale (Giuffrè, Milano, 2018, 177 pp., € 18.00)

By on July 26, 2018

Anche in Italia, così come in altri contesti ordinamentali, si è andato sviluppando, nel corso degli anni, un sempre più comprensivo insieme di norme relative alla condizione giuridica delle persone con disabilità. Al relativo dibattito offre un valido contributo il libro di Alessandro Candido, recentemente apparso nella collana della facoltà di giurisprudenza della sede piacentina dell’Università Cattolica. Lo studio di Candido è articolato in tre capitoli, preceduti da un’introduzione, contenente gli obiettivi della ricerca, e seguiti da alcune pagine conclusive, in cui si tirano le fila dei ragionamenti svolti. Gli obiettivi che Candido si pone sono ambiziosi. Il suo…


VIEW POST

View more
Uncategorized

Chi può definirsi “partner” di un cittadino UE? La Corte chiarisce (e rende più ampia?) la condizione di relazione stabile

By on July 23, 2018

È cosa ben nota, ormai, che il legislatore europeo sia ben predisposto nel considerare un concetto ben più ampio di “nucleo familiare”, rispetto a quanto disposto dalle legislazioni di alcuni Stati membri. Tale atteggiamento verso il coniuge e/o il semplice componente della famiglia diventa assai più rilevante se si considerano le implicazioni derivanti dall’esercizio della libera circolazione e, quindi, la possibilità per il partner cittadino non-UE di fare rientro nello Stato membro d’origine dopo aver soggiornato in un Paese diverso da quello di cui si ha la cittadinanza. Trattasi, in sostanza, di quel diritto di residenza derivato che viene…