Browsing Category

Uncategorized


VIEW POST

View more
Uncategorized

Book Review: F. Capone, Reparations for Child Victims of Armed Conflicts (Intersentia, 2017)

By on June 12, 2017

A partire dalla metà del XX secolo, si è registrato un incremento crescente di vittime civili nel contesto dei conflitti armati, siano questi internazionali o interni. La categoria maggiormente colpita è rappresentata dai bambini, non più spettatori passivi, ma destinatari e autori delle atrocità commesse durante le ostilità.
Francesca Capone, ricercatrice di diritto internazionale, coordinatrice del master in Human Rights and Conflict Managment nonché docente presso la Scuola Superiore Sant’Anna, esamina con sguardo critico l’attuale regime internazionale riguardante il diritto alla riparazione spettante ai bambini vittime di conflitti armati.
Il lavoro, nato dalla necessità di colmare il vuoto presente in letteratura…


VIEW POST

View more
Uncategorized

Da chi “dipende” l’interesse del minore? La CGUE definisce (ancora) la portata della “clausola Zambrano”.

By on June 8, 2017

Per stabilire quali siano i diritti dei cittadini extra-europei all’interno del territorio dell’Unione, è necessario fare riferimento alla legislazione sovrannazionale in materia di immigrazione e asilo, allargando lo spazio di analisi anche a tutti i Trattati sottoscritti dagli Stati membri e, infine, alle direttive in materia di libera circolazione. Quest’ultima, come è noto, è garantita a tutti i cittadini dell’UE, unitamente ai loro familiari, anche se provenienti da Stati terzi. Il godimento di questo diritto è ormai esteso sia nel caso in cui il nucleo decida di spostarsi in un altro Paese membro, sia in virtù di un’eventuale rientro…


VIEW POST

View more
Uncategorized

Brevi riflessioni sulla rule of law nella tradizione costituzionale del Regno Unito

By on June 5, 2017

Fortunatamente, nella scienza giuridica che studia gli ordinamenti costituzionali di ispirazione liberal-democratica il concetto di rule of law gode oggi di ottima stampa. Non vi è lavoro scientifico sul tema che ne metta in discussione il valore irrinunciabile che si trova a fondamento di quei sistemi giuridici e, anzi, spesso si leggono preoccupate grida di allarme per l’esistenza di elementi fattuali che, contrastando con quel principio basilare, potrebbero mettere in grave pericolo la saldezza democratica di questo o quell’ordinamento.
Tutto ciò è molto positivo e testimonia quanta strada abbiano fatto le nazioni del vecchio Occidente sul terreno della civiltà giuridica….


VIEW POST

View more
Uncategorized

Governare con le ordonnances e moralizzare la vita pubblica: il Presidente Macron di fronte all’assetto costituzionale della V Repubblica

By on June 1, 2017

Fra i molti interrogativi che hanno accompagnato la sorprendente ascesa e poi il successo elettorale di Emmanuel Macron alle elezioni presidenziali del 21 aprile e 5 maggio scorsi, gli orientamenti del nuovo Presidente in materia di istituzioni e di politica costituzionale hanno occupato una posizione nel complesso secondaria. Dopo la sua elezione, è forse possibile formulare alcune ipotesi muovendo dalle dichiarazioni – non numerose e non sempre coerenti fra loro – con cui Macron ha preso posizione sul suo modo di intendere il funzionamento delle istituzioni della V Repubblica.
Si tratta, in qualche modo, di interrogativi ineludibili. Quasi tutti i…


VIEW POST

View more
Uncategorized

Il “Muslim Ban” del Presidente Trump alla prova dell’Establishment Clause: alcuni aggiornamenti

By on May 29, 2017

La vicenda del cd. “Muslim ban”, varato dal Presidente degli Stati Uniti Donald Trump all’indomani del suo insediamento, continua ad essere al centro della cronaca politica e giudiziaria americana, con un recente e importante sviluppo ad opera di un gruppo di costituzionalisti americani costituitisi lo scorso 19 aprile come amici curiae dinanzi alla Corte d’Appello del Quarto Circuito (che l’8 maggio è chiamata ad esaminare il ricorso promosso dal Presidente e dal Governo contro la decisione della Corte del Maryland di sospendere alcune parti dell’executive order n. 13780 del 6 marzo).

 

L’executive order n. 13769 del 27.1.2016

La…


VIEW POST

View more
Uncategorized

Il sistema africano di protezione dei diritti umani si rafforza: la Tunisia permette l’accesso individuale e di ONG alla Corte Africana

By on May 25, 2017

Il 16 aprile 2017, la Tunisia ha firmato la dichiarazione che consente a individui ed associazioni di presentare direttamente ricorso alla Corte africana dei diritti dell’uomo e dei popoli, richiesta dall’art. 34 c. 6 del Protocollo istitutivo dell’organo del 1998.

La firma della dichiarazione costituisce un passo importante nel processo di consolidamento del rule of law e del costituzionalismo nel Paese perché colma almeno in parte le lacune del sistema giudiziario nazionale. Benché infatti la Tunisia rappresenti una speranza per il Mediterraneo in termini di democratizzazione e affermazione dei principi di matrice liberal-democratica, l’istituzione di un efficace sistema di garanzie…


VIEW POST

View more
Uncategorized

L’«urgenza democratica» come sfida politica e istituzionale all’Unione europea: a proposito della proposta “Democratizzare l’Europa!” di Hennette, Piketty, Sacriste e Vauchez

By on May 22, 2017

Nel dibattito sulla condizione degli attuali assetti democratico-istituzionali dell’Unione europea e la loro riforma si sono di recente inseriti, con un evidente obiettivo politico (Piketty è consigliere del candidato alla Presidenza francese Benoît Hamon), gli autori di un’ambiziosa proposta che, intitolata Democratizzare l’Europa!, indica nel sottotitolo, al contempo, il contenuto e la finalità dell’iniziativa: Per un Trattato di democratizzazione dell’Europa (il T-Dem). Firmato da Stéfanie Hennette, Thomas Piketty, Guillame Sancriste e Antoine Vauchez il libro, pubblicato in Italia dalla casa editrice La Nave di Teseo (2017), introduce, articola e commenta una proposta di Trattato, il T-Dem (57 ss.), che…


VIEW POST

View more
Uncategorized

Benedetto Croce, Riduzione della filosofia del diritto alla filosofia dell’economia, a cura di C. Nitsch, Giuffrè, Civiltà del diritto, 2016

By on May 18, 2017

Quando venne pronunciata, tra l’aprile e il maggio del 1907, la memoria crociana sulla Riduzione della filosofia del diritto alla filosofia dell’economia si inscriveva a pieno titolo nel dibattito tardo ottocentesco sulla crisi della filosofia del diritto, che aveva visto coinvolti, tra gli altri, Ravà, Vanni e, in particolar modo, Petrone, che aveva in una certa misura posto in questione l’esistenza stessa di una «filosofia del diritto». Inseritosi in un dibattito aperto, il breve scritto di Benedetto Croce era, a sua volta, destinato ad aprirne un altro che avrebbe visto coinvolti, su fronti opposti, non solo gli esponenti dell’idealismo…


VIEW POST

View more
Uncategorized

Are the EU Institutions (about to start) breaching art 50 TEU & EU public procurement law in the context of Brexit?

By on May 15, 2017

The Financial Times has reported that “Brussels starts to freeze Britain out of EU contracts ~ Commission memo tells staff to prepare to ‘disconnect’ UK”. According to the FT, an internal European Commission memorandum urges its senior officials to start introducing Brexit considerations in their decision-making, seemingly to avoid “unnecessary additional complications”. As public procurement is concerned, the FT indicates that

Where legally possible, the ommission and its agencies will be expected in all activities to “take account” of the fact that Britain may be “a third country” within two years, including in appointing staff and in awarding billions of…


VIEW POST

View more
Uncategorized

Il diritto al tempo della crisi planetaria: svolta ecologica, beni comuni e nuove istituzioni

By on May 11, 2017

Qual è il ruolo del giurista occidentale che voglia utilizzare le proprie conoscenze di diritto per far fronte alla drammatica crisi ecologica del nostro pianeta? Per molti, la risposta più  immediata sarebbe quella di dire che è compito della donna e dell’uomo di diritto utilizzare gli strumenti forniti dai vari ordinamenti per poter agire a difesa dei diritti che siano stati lesi. Agendo all’interno delle categorie offerte dal diritto privato, diritto internazionale, diritti umani etc., il giurista (in particolare comparatista) potrebbe quindi identificare le istituzioni e le procedure da mobilizzare nel caso di violazioni insieme alle possibili traiettorie che…