Ancora in tema di congiunte violazioni della Costituzione e del diritto dell’Unione, dal punto di vista della Corte di giustizia (Prima Sez., 20 dicembre 2017, Global Starnet)

By on 9 Gennaio, 2018
PAROLE CHIAVE

Lo scritto si sofferma su una pronunzia della Corte di giustizia (Prima Sez., Global Starnet) con cui il giudice dell’Unione rivendica a sé la competenza a pronunziarsi dietro rinvio pregiudiziale su norme dell’Unione stessa ritenute sostanzialmente coincidenti con norme della Costituzioni sulle quali il giudice costituzionale si sia, a sua volta, già pronunciato. Appare evidente la divergenza di orientamento rispetto alla sent. n. 269 del 2017 della Corte costituzionale, che riporta al sindacato di quest’ultima i casi di violazione di norme della Carta di Nizza-Strasburgo, pur laddove aventi natura self-executing, una divergenza per effetto della quale possono aversi conflitti tra le Corti anche gravi. Si prospetta quindi la soluzione di dar modo al giudice comune di scegliere a quale Corte rivolgersi, ponendo quindi in essere la tecnica di risoluzione delle antinomie a ciascuna di esse congeniale.

LEAVE A COMMENT

Email Subscription
Direttori
Andrea Buratti, Giuseppe Martinico, Oreste Pollicino, Giorgio Repetto, Raffaele Torino