diritto

“Segretezza del voto nell’identificabilità del votante” nelle società “in movimento”

By on 14 Maggio, 2013

I. La tematica
della “segretezza nell’identificabilità” dell’elettore si è presentata in tempi
recenti acquisendo importanza di pari passo all’elargizione del suffragio a
fasce sempre più ampie di popolazione. Ad una tale questione s’è ben presto
accompagnato il più generale tema dell”‘agevolazione” del suffragio (con
riguardo ai “tempi del voto” ed alle condizioni personali degli elettori): di
cui sono rintracciabili i primi esempi nella legislazione elettorale della
Nuova Zelanda (specie d’inizio XX secolo), annoverata, anche in ragione di ciò,
tra gli ordinamenti di avanguardia nell’attuare politiche di “welfare elettorale. Sempre
in un’ottica di tipo comparatistico, poi, è dato constatare come, in molti
degli ordinamenti di più consolidata democrazia, anche a costo di mettere sotto
stress proprio il profilo della segretezza nella personalità del suffragio,
siano state individuate particolari forme di agevolazione del suffragio stesso in
ipotesi (di norma tassative) giustificate dalle particolari condizioni di
determinate categorie di persone, impossibilitate a recarsi personalmente alle
urne. È il caso del voto per procura previsto, per esempio, in territorio
francese dall’art. L 71 del cod.
él. francese
, designandosi, a tal fine, un “mandatario elettorale” (in
linea di principio, per una sola volta), che, appunto, li rappresenta il giorno
del voto.


Ci sembra, peraltro, che quanto testé rilevato presenti, in
realtà, dei profili problematici dalla portata per certi versi ben più
radicale, essendo, in questi casi, il legislatore chiamato a bilanciare le
esigenze di più agevole partecipazione al voto, con quelle, non meno pressanti,
di segretezza (oltre che di personalità) del voto stesso. Il fatto che poi una
tale operazione risulti formalmente più facile là dove manchino normative
stringenti di rango costituzionale (come, accade, per l’appunto, in riferimento
alla “personalità del voto”, nell’ordinamento francese), induce a riflettere
(specie se si conviene nel ritenere che queste ultime custodiscano e, per certi
versi, riflettano la memoria storica di un dato gruppo sociale, certificando
fenomeni patologici già vissuti ed, al contempo, prevenendo una loro possibile
ripetizione) su come, al pari di ogni tipo di “agevolazione” (in senso ampia
considerata), anche quella concernente l’esercizio del voto, per non dare luogo
ad una pratica di abusi, presupponga un adeguato livello di maturazione
democratica, da parte del corpo sociale riguardato.

 

II. Quanto appena osservato ci porta
anche a notare come la predisposizione di “agevolazioni” al voto possa
risultare funzionalizzata ad ovviare a situazioni di obiettiva difficoltà per
determinate categorie di elettori a raggiungere i luoghi di voto («Chi porterà
al pascolo le oche al posto nostro?» pare che sia stato l’interrogativo più
diffuso tra i contadini della Vestfalia quando, nel maggio 1848, per la prima
volta, furono chiamati alle urne…).

Tra tali categorie, possono citarsi gli ammalati, le donne
in avanzato stato di gravidanza, i ciechi, “la gente di mare”. (c.d. Seamen Vote), i militari in missione e,
talvolta, persino, gli analfabeti, ai quali può essere consentito di votare non
solo, eventualmente, con l’assistenza e il supporto di altro personale ma anche
in luoghi diversi da quelli dove sono ubicati i seggi elettorali (c.d. “absentee vote”). Di siffatta
problematica, si rintracciano i primi esempi nella legislazione elettorale
della Nuova Zelanda, annoverata, anche in ragione di ciò, tra gli ordinamenti
di avanguardia nell’attuare politiche di “welfare
elettorale”.

Per quanto concerne il nostro ordinamento, di quest’ordine
di problemi si son fatti carico, in particolare, l’art. 38 del d.P.R.
n. 26 del 1948
, con riguardo ai
“militari delle Forze armate nonché gli appartenenti a corpi organizzati
militarmente per il servizio dello Stato, alle forze di polizia ed al Corpo
nazionale dei vigili del fuoco”, e
gli artt. 23 e 22 della legge
n. 493 del 1956
, con riguardo, rispettivamente, ai naviganti fuori
residenza per motivi di imbarco e, per diverso profilo, ai degenti in ospedali
e case di cura (tali normative si trovano ora nel d.P.R.
n. 361 del 1957
, agli artt. 49 e ss.); si vedano, inoltre, più di recente il
d.l. n. 1
del 2006
, conv. nella legge n. 22 del 2006
e la legge n. 46 del
2009
, aventi l’obiettivo di agevolare – e financo di render possibile – per
gli elettori affetti da gravi infermità di esprimere il proprio suffragio.

 

III. Se,
pertanto, il nostro ordinamento non può dirsi affatto insensibile al principio
“di agevolazione del voto”, resta, tuttavia, perdurante l’interrogativo sul
grado di appagamento complessivo dell’attuazione data a tale principio, specie
in un’ottica di tipo comparatistico, dalla quale emerge come, in molti degli
ordinamenti di più consolidata democrazia, anche a costo di mettere sotto
stress i principi di personalità” e di segretezza del voto, accanto
all’agevolazione del voto in “senso soggettivo”, siano state individuate forme
di agevolazione in “senso oggettivo”, in casi tassativi, giustificati, anche qui,
dalle particolari condizioni di determinate categorie di persone,
impossibilitate a recarsi personalmente alle urne. È il caso del voto per
procura previsto, per esempio, in territorio francese (dove, come da noi, non è
previsto il voto per corrispondenza né tanto meno l’utilizzo generalizzato del
voto elettronico per i residenti sul suolo nazionale), dall’art. L 71 del Code
électoral, col consentire appunto agli “électeurs
qui établissent que des obligations dûment constatées les placent dans
l’impossibilité d’être présents dans leur commune d’inscription le jour du
scrutin
”, così come, dal 1993, “les
électeurs qui ont quitté leur résidence abituelle pour prendre des vacances

a votare per procura, designando, in linea di principio per una sola tornata di
voto, un “mandatario elettorale”, che, appunto, li rappresenta il giorno del
voto.

Quanto testé rilevato presenta, in realtà, dei profili
problematici dalla portata per certi versi ben più radicale. È indubbio,
infatti, che, in questi casi, il legislatore deve continuamente bilanciare la
necessità (specie negli ordinamenti in cui vigano forme di voto obbligatorio)
di una più agevole partecipazione al voto, con l’esigenza di segretezza e
personalità del voto stesso, e che tale operazione sia formalmente più facile
là dove manchino normative stringenti (di rango costituzionale) in punto di
personalità e segretezza del voto (come, per esempio, accade, in punto di
“personalità del voto” nell’ordinamento francese). Tuttavia, le norme –
segnatamente, le norme di rango costituzionale –, custodiscono e riflettono
spesso la memoria storica di un dato gruppo sociale, certificando fenomeni
patologici già vissuti ed, al contempo, prevenendo una loro possibile
ripetizione. Da questo punto di vista, è indubbio che, in Italia, forme di
broglio elettorale a scapito di soggetti particolarmente vulnerabili sia in
epoca liberale, sia dopo la stessa Costituzione del ‘47, siano avvenute e non
in lieve misura.

 

IV. Quanto s’è
detto pare sufficiente a dimostrare come, così come ogni tipo di “agevolazione”
(in senso ampia considerata), anche quella concernente l’esercizio del voto”, per
non dare luogo ad una pratica di abusi, presupponga un adeguato livello di
maturazione democratica. In quest’ottica, con specifico riguardo al caso
italiano, i casi di broglio emersi soprattutto sul versante del voto estero “per
corrispondenza” inducono a ritenere come, almeno per ora, a salvaguardia della
libertà di suffragio, non sia opportuno abbassare troppo la guardia. In
particolare, i maggiori problemi riguardo al profilo della “segretezza
nell’identificabilità” del voto si sono presentati, si ricorderà, in occasione
delle elezioni politiche del 2008, nel c.d. “caso Di Girolamo”. Dello «scandalo», emerso in quella vicenda, rileva
qui il fatto che la supposta compravendita dei voti (in determinate realtà
ordinamentali) sia stata resa possibile anche e soprattutto a causa dalle gravi
“lacune” che, a tutt’oggi, presenta l’Anagrafe degli italiani residenti
all’estero (che fa da base ai vari tipi di consultazioni elettorali
“dall’estero”, tra cui, per l’appunto, quelle per il parlamento nazionale), date le insufficienti garanzie riguardo alla
corretta identificazione dei votanti, e, conseguentemente, circa la
corrispondenza delle informazioni personali degli stessi coi dati concernenti
gli iscritti nelle liste elettorali contenute nella suddetta A.I.R.E. Sempre
con riguardo al versante della personalità del voto, mette
conto, inoltre, di rilevarsi come – a differenza di quanto avviene, di norma,
dove vige (come per l’elezione dei cittadini italiani residenti all’estero) il
voto per corrispondenza –, in Italia non sia prevista come necessaria
l’apposizione di una qualche firma autografa da parte di chi vota. Ciò che è
tanto più grave se si considera che un tale “dato biometrico” è (in mancanza di
altri, più affidabili “accorgimenti tecnici”) il solo che consente di appurare
l’effettiva identità di chi vota (attraverso il confronto con la “firma
campione” depositata, per tempo, dagli stessi votanti, identificati come tali,
presso le proprie amministrazioni elettorali).

 

V. Se, dunque,
relativamente al “voto estero”, le maggiori problematicità paiono registrarsi in
riferimento al principio di personalità del suffragio, va anche rilevato come
non paia militare a favore della sua segretezza, il fatto che il ridetto voto
avvenga “a distanza” ed in modo “non presidiato”, data l’impossibilità, con le
tecnologie messe attualmente in campo, di garantire che il suffragio si
realizzi in condizioni ambientali adeguate.

È proprio la presa d’atto di una tale infausta serie di
problematicità dell’attuale congegno del voto degli italiani all’estero ad
averci portato (in http://www.forumcostituzionale.it/site/images/stories/pdf/documenti_forum/paper/0387_trucco.pdf,  del 6 gennaio 2013) ad accogliere con cauto
favore la proposta della sua riforma, grazie, particolarmente, all’«adozione», in via esclusiva, e «l’utilizzo», secondo le
indicazioni del Parlamento, «della tecnologia informatica», secondo un “doppio
binario informatico” “home vote/voto
elettronico in loco” (v. l’art. 1 del
d.l.
n. 67 del 2012
, come conv. nella legge
n. 118 del 2012
)[1].
L’auspicio è che ciò possa avvenire nel quadro di un più ampio ripensamento della
rappresentanza e partecipazione delle comunità italiane di residenti all’estero
nella vita politica del nostro Paese. Nell’ambito, cioè, di una riforma di più
ampio respiro, ricomprendente pure il voto per le elezioni amministrative,
degli italiani residenti all’estero (come dei non cittadini residenti).
Trattasi, del resto, di quanto indicato, di recente, dalla
stessa Corte costituzionale. Per la precisione, nella sent.
n. 242 del 2012
la Corte si è augurata «che il
legislatore ponga rimedio» agli «inconvenienti» derivanti dalla assenza di una
normativa agevolativa del voto dei residenti all’estero con riguardo alle
elezioni amministrative, ponendo, con ciò, proprio la questione delle modalità
con cui attuare tali necessarie agevolazioni, tenuto conto ora delle
opportunità offerte dalle più recenti tecnologie trasmissive, oltre che della possibilità
di favorire lo spostamento “fisico” dei votanti (attraverso, in particolare, i
“tradizionali” sconti sui “costi di viaggio”, su cui la stessa Consulta ha
avuto modo di pronunciarsi favorevolmente, ad es.. nelle sentt. n. 39 del 1973;
e n. 79 del 1988). Là dove a favorire la seconda soluzione potrebbe essere la constatazione
della difficoltà, allo stato tecnologico attuale, di garantire la
sussistenza di condizioni (ambientali e “materiali”) in grado di garantire la segretezza del voto
nell’identificabilità del votante”, e, più in genere, un’espressione del
suffragio a tutti gli effetti libera e svolgentesi da pressioni esterne “indebite”.
Su di un diverso versante, poi,
nella decisione resa il 15 marzo 2012
nel caso Sitaropoulos e Giakoumopoulos, la Corte EDU
riunita in Grande Camera ha chiarito (diversamente da quanto affermato dalla Prima sezione[2]) che «none
of the legal instruments examined above forms a basis for concluding that, as
the law currently stands, States are under an obligation to enable citizens
living abroad to exercise the right to vote
», dato che dall’analisi in
chiave comparata «of the legislation of Council
of Europe member States in this sphere
» emergerebbe la mancanza di
un “acquis” comune  in materia «while the great majority of them allow their nationals to vote from
abroad, some do not»; tuttavia, «as regards those States which do allow voting
from
abroad, closer examination reveals that
the arrangements for the exercise of expatriates’ voting rights are not
uniform, but take a variety of forms
» (v. I §§ 74 e 75).


[1] Anche se, ad oggi, non solo del
regolamento di attuazione chiamato a fissare le specifiche tecniche del
suddetto voto elettronico non v’è traccia (si noti che il termine di sei mesi dall’entrata in vigore della legge di
conversione – vale a dire, il 23 luglio 2012 – risulta ormai ampiamente
traguardato…), ma, per di più, non si può nemmeno dire che la questione del
voto estero risulti tra le priorità dell’Agenda politica di questo periodo.

[2] Nella decisione
dell’8 luglio 2010
, infatti, la Prima sezione della
Corte EDU aveva ravvisato una violazione dell’art. 3 del
Protocollo n.1 da parte della Grecia a causa della mancata messa a punto di una
specifica normativa per l’esercizio del diritto di voto al di fuori del
territorio nazionale, in attuazione degli artt. 51 § 4 e 108 della Costituzione
greca.

 

LEAVE A COMMENT