Trump v. Anderson e il patchwork della giustizia americana sul candidato insurrezionalista

Con una pronuncia collegiale (per curiam), il 4 marzo 2024 la Corte Suprema degli Stati Uniti ha cassato la sentenza con cui la Corte Suprema del Colorado il 19 dicembre 2023 aveva ritenuto Donald Trump squalificato dalla competizione elettorale per la carica di Presidente, avendo questi – secondo i giudici statali – partecipato all’insurrezione del 6 gennaio 2021 ed essendo quindi incorso nella fattispecie delineata dalla Sezione 3 del XIV Emendamento della Costituzione (in avanti, “Sezione…

Leggi Articolo

Inserisci Commento


L’affettività in carcere nei “ritrovati” equilibri della Consulta (Corte cost., 26 gennaio 2024, n. 10)

Ripensamenti, prese d’atto e bilanciamenti: li ritroviamo nella pronuncia della Consulta n. 10 del 2024, con la quale è stata ricondotta “a legittimità costituzionale una norma irragionevole nella sua assolutezza e lesiva della dignità delle persone”. Si tratta dell’art. 18 della legge 26 luglio 1975, n. 354 (Norme sull’ordinamento penitenziario e sulla esecuzione delle misure privative e limitative della libertà), dichiarato costituzionalmente illegittimo nella parte in cui non prevede che la…

Leggi Articolo

Inserisci Commento


A new chapter on the political and legislative debate on abortion has been introduced by France as an answer to the restrictive approach adopted in the U.S.

In 2022, the Supreme Court of the United States in the case Dobbs v. Jackson overturned the precedent Roe v. Wade of January 22, 1973. Now, the voluntary termination of pregnancy (abortion) is not a right guaranteed at the federal level – and thus throughout the United States – under the control of the Supreme Court, but each State may prohibit it under the national law. According to the main opinion, within the US Federal Constitution, in fact, there isn’t an express right to abortion. Under…

Leggi Articolo

Inserisci Commento


The Nature Restoration Regulation: prospects for reviving Europe’s biodiversity

On 27 February 2024, the European Parliament voted to approve the proposed Nature Restoration Regulation (NRR). The vote would ordinarily have been a formality, as a compromise text had already been agreed upon in trilogue negotiations in November 2023. However, the European People’s Party (EPP), the largest party in the European Parliament and the party of EU Commission president Ursula Von der Leyen, announced about 24 hours before the vote that they would vote no. This turn-around was…

Leggi Articolo

Inserisci Commento


Diritti Comparati Vlog:
Bashir Mobasher – Constitutional Law and the Politics of Ethnic Accommodation

Bashir Mobasher, Constitutional Law and the Politics of Ethnic Accommodation. Institutional Design in Afghanistan. Routledge, 2023, https://doi.org/10.4324/9781003152514

Leggi Articolo

Inserisci Commento


The emergence of emergency in Canada: what can democratic institutions do?

The decision of the Federal Court of Canada [FC] on January 23 2024, regarding the judicial review of the first-ever use of the Emergency Act [EA] (and related measures enacted) in February 2022 to address protests due to Covid-19 restrictions, marks a significant moment in recent Canadian history. Since 1988, the EA has replaced the War Measures Act, shaping the framework for enacting emergency measures and ensuring their alignment with constitutional principles. We will approach the decision…

Leggi Articolo

Inserisci Commento


Principio di legalità penale, interessi finanziari dell’Unione e Stato di diritto a fronte di un primato in trasformazione

Con la sentenza qui annotata, la Corte di Giustizia è tornata a pronunciarsi sui limiti che demarcano il primato del diritto dell’Unione, al crocevia tra interessi finanziari di quest’ultima, tutela dello Stato di diritto e principio di legalità penale. S’impone un cenno preliminare ai fatti. Il 25 giugno 2018 è pubblicata la sentenza n° 297, con cui la Corte costituzionale romena dichiara l’incostituzionalità dell’art. 155(1) del codice penale – a tenore del quale «[i]l termine di prescrizione…

Leggi Articolo

Inserisci Commento


Niente soldi ai neonazisti: prima applicazione del blocco dei finanziamenti ai partiti anticostituzionali in Germania

Il 23 gennaio 2024 il secondo Senato della Corte costituzionale federale tedesca (BVerfG) ha deciso che il partito neonazista Die Heimat (già Partito nazionale democratico tedesco - NPD) debba essere escluso dal finanziamento statale e dai benefici fiscali per sei anni. Il procedimento in oggetto rappresenta il terzo tentativo (dopo quelli del 2001 e del 2013) per colpire il partito tedesco e l’unico, fino ad oggi, andato a buon fine. Si tratta del primo procedimento di questo tipo da quando,…

Leggi Articolo

Inserisci Commento


La Corte prima della tempesta: come premunire le corti costituzionali da futuri assalti? La situazione in Germania e in Italia

Verso una legge costituzionale sul Tribunale costituzionale federale In un lungo articolo pubblicato sul quotidiano Die Zeit il 16 novembre scorso il presidente emerito del Tribunale costituzionale tedesco Andreas Voßkuhle ha espresso tutta la sua preoccupazione per la tendenza internazionale che vede le corti costituzionali e supreme sempre più esautorate e sotto attacco. Il processo è iniziato, secondo Voßkuhle, circa 15 anni fa quando fu l’Ungheria il primo paese a “smantellare” la propria…

Leggi Articolo

Inserisci Commento


La riforma elettorale tedesca del 2020 al vaglio della Corte Costituzionale Federale

Il 29 novembre 2023 la Corte Costituzionale Federale tedesca è intervenuta nuovamente in materia elettorale, riconoscendo la conformità con la Legge Fondamentale della venticinquesima legge di modifica della legge elettorale federale (BWahlGÄndG) del 14 novembre 2020. Il ricorso, promosso da 216 deputati dei partiti – in quel periodo all’opposizione – DIE GRÜNEN, DIE LINKE e FDP, si fondava sulla presunta violazione, ad opera dell’art. 1, nn. 3-5 della legge di riforma, dei principi di…

Leggi Articolo

Inserisci Commento